43 casi positivi in 3 giorni a Carini: rischio zona rossa

A margine della nostra diretta sulla giornata vaccinale presso la chiesa San Lorenzo, organizzata dall’assessorato regionale alla sanità in collaborazione con l’Arcidiocesi di Monreale e le parrocchie di SS Maria Assunta e dell’Unità Pastorale Carini, che stà producendo la vaccinazione di 80 cittadini tra i 69 e i 79 anni, abbiamo appreso dallo stesso primo cittadino Giovì Monteleone, che negli ultimi 3 giorni si sono registrati ben 43 nuove positività al Coronavirus (19 il 31 marzo, 15 il 01 aprile e 09 ieri), che stanno seriamente rischiando di determinare la dichiarazione di “zona rossa” da parte della Regione Siciliana a partire dal prossimo 06 aprile quando scadrà la zona rossa già indetta per tutta l’isola. Infatti il decreto prevede l’istituzione della zona rossa ogni 250 casi negli ultimi sette giorni per 100.000 abitanti e in considerazione dei quasi 40.000 abitanti residenti, bastano 100 nuovi positivi ogni 7 giorni per far scattare l’iter.  In quest’ottica – continua Monteleone – “sarà fondamentale il senso civico di ogni singolo cittadino a tutela personale e della collettività, noi come istituzione faremo la nostra parte effettuando tutti i controlli del caso per il rispetto del Dpcm in vigore. Nelle prossime ore probabilmente emanerò una nuova ordinanza per il divieto di assembramento in alcune zone della città, come forma di prevenzione”. Ad oggi è già in vigore il divieto di transito sul lungomare Cristoforo Colombo ad eccetto dei residenti.

Cliccate sull’immagine sottostante per rivedere la diretta di questa mattina: