Sono stati Patri Vanni, la nascita del RIMED e soprattutto l’avvio di un processo di integrazione territoriale i temi discussi lo scorso 6 luglio presso la sede palermitana della fondazione RIMED, dove è stato convocato il nostro concittadino Gianfranco Lo Piccolo dalla responsabile Comunicazione e Marketing, la Dottoressa Donata Sandri, e dal Direttore Aministrativo, il Dottor Emanule Insinna, a seguito del video postato a mezzo Facebook “Who is Patri Vanni ?” dallo stesso Lo Piccolo, che in 6 minuti spiegava chi fosse Padre Giovanni Badalamenti e l’importanza per i posteri della sua donazione all’allora Ospedale Santo Spirito.

Lo Piccolo, da tempo impegnato nella strenua difesa dell’identità carinese attraverso iniziative di vario genere, si è presentato ai responsabili del RIMED anche come responsabile per la Sicilia dell’associazione “CARINI IOD”, un’organizzazione italo americana avente scopo di integrazione culturale, nata proprio in Pennsylvania e per uno strano caso del destino dove per l’appunto esiste il quartier generale della fondazione RIMED, cioè Pittsburgh.

Dall’incontro è emerso che sicuramente la fondazione RIMED darà il giusto riconoscimento all’alta figura di Padre Vanni, che fino a questo momento evidentemente sconosceva, impegnandosi allo stesso tempo nel costruire una forma d’integrazione vincente col territorio che ospiterà una delle più grandi opere medico scientifiche dell’ultimo secolo.