Dramma della disperazione: salvato per un soffio

Quello che si stava verificando ieri pomeriggio in via Monsignor Siino a Capaci può sicuramente definirsi come un dramma della disperazione sfiorato. Un uomo, solo, senza lavoro e dall’evidente stato emotivo precario, stava suicidandosi ingerendo una bottiglietta di candeggina; lo stesso aveva annunciato il terribile gesto avvertendo il “112”. Solo il pronto intervento di una “gazzella” della Radiomobile di Carini in servizio nel comprensorio, ha evitato l’insano gesto. Soccorso dai sanitari, l’uomo adesso sta bene. Episodi come questi fanno sicuramente riflettere sulle difficoltà in cui vive molta gente in questo particolare momento storico.