Per i piccoli alunni della succursale “Vanni Pucci”della scuola “Renato Guttuso” di Villagrazia è stata una visita inaspettata, presentata dalle maestre come un qualcosa di speciale raccontato da un uomo speciale.
Stiamo parlando della visita a Carini di Janus River, l’arzillo 83enne di origini russo-polacche ma di passaporto italiano, che da 16 anni ha deciso di compiere un’impresa ai più impossibile: percorrere tutto il mondo in bicicletta.
Ciuffo brizzolato e con un sorriso stampato in viso, Janus si è presentato nel plesso di via Elba intorno alle 11, quando tutti i piccoli alunni si erano già radunati nell’atrio della scuola.
Quello che per molti potrebbe rappresentare un tranquillo nonno, è invece un vero e proprio vulcano di emozioni vissute in un viaggio che pensa di concludere nel 2027 in Cina, dopo aver toccato 150 paesi e tutti e 5 i continenti.

 

Non ha famiglia, né figli, perché la sua famiglia è il mondo e tutti quei posti che raggiunge, soprattutto tutte quelle persone che incontra e che gli donano qualcosa del loro tempo e della propria accoglienza.
Europa, Africa, America e Asia affidandosi esclusivamente all’ospitalità delle istituzioni.
Il giro in Italia durerà circa 12 mila chilometri, in Sicilia dopo la provincia di Trapani e Palermo, visiterà Siracusa, Ragusa, Catania e nuovamente Messina, per poi attraversare lo “stretto” e risalire lo stivale fino ad ipotizzare il ritorno nel punto di partenza (Roma) nel gennaio del 2019.

 

servizio completo nella prossima edizione cartacea de “IL CARINESE”