“Piano Estate” alla “Laura Lanza” di Carini

Quest’anno le attività dell’I.C. Laura Lanza sono proseguite anche durante il periodo estivo. Infatti, grazie all’adesione al piano per l’estate proposto dal Ministero dell’Istruzione, nonostante i dubbi di operatori, famiglie e utenti, è stato possibile svolgere percorsi formativi interessanti e all’insegna del divertimento, tanto che l’iniziale diffidenza verso un’esperienza inusuale è stata ben presto sostituita da un inaspettato entusiasmo che ha fatto rapidamente incrementare le richieste di partecipazione. Il considerevole investimento approntato a livello nazionale dal Ministero ha l’obiettivo di permettere agli studenti di recuperare la socialità persa durante il periodo della pandemia e rafforzare gli apprendimenti. In realtà la volontà è soprattutto quella di usufruire dei mesi estivi per costruire un ponte verso il prossimo anno scolastico, fornendo così una risposta agli studenti dopo il difficile anno scolastico caratterizzato dalla paura del contagio da Covid 19. Per raggiungere in modo più chiaro e immediato questa finalità, l’istituto carinese ha progettato e avviato dei percorsi formativi incentrati sullo svago e la condivisione del tempo d’estate. Nello specifico gli alunni della Laura Lanza stanno in questo momento svolgendo tre distinti percorsi educativo-didattici: due di nuoto in vasca dal titolo “Incontriamoci in piscina 1 e 2” e uno di equitazione denominato “E… state a cavallo!”. Le attività si svolgono rispettivamente presso la struttura “Piano Monaco” di Villagrazia di Carini e presso il maneggio “Feudo di Mezzo” di via A. Morello. Il D.S. prof. Salvatore Ciravolo chiarisce che la scelta di queste due tipologie di attività non è stata casuale. Infatti, afferma che esse determinano per l’alunno la possibilità di confrontarsi con nuove esperienze basate su una gamma di rapporti che s’instaurano con regole, comportamenti, ambienti, persone e risoluzione di problemi. Da queste nuove esperienze il minore riceve degli stimoli che lo arricchiscono nella capacità di risolvere positivamente il rapporto con situazioni, persone e cose; attraverso questo processo il soggetto si migliora, cresce e sviluppa positivamente la sua affettività e la sua socialità. Inoltre aggiunge che attività didattico-motorie come il nuoto e l’equitazione si pongono finalità più generali, rivolte agli aspetti cognitivi, affettivi e sociali della personalità e favoriscono la conquista di nuovi equilibri che si traducono anche in un più elevato rendimento scolastico e nel superamento di situazioni di disagio.
Gli alunni complessivamente coinvolti sono circa 70 e sono stati scelti attraverso un apposito bando di selezione che ha tenuto conto del rendimento scolastico, dello stato occupazionale dei genitori e dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE).

Le attività già avviate termineranno entro la prima metà di Agosto, ma in realtà il piano approvato è ben più complesso e già nel mese di settembre è previsto l’avvio di altri laboratori per il potenziamento delle competenze di base (italiano, matematica, scienze e lingua straniera), ma anche di altre attività educative che riguarderanno la musica, l’arte, il digitale e altre tematiche quali la tutela dell’ambiente, la conoscenza e la valorizzazione del territorio.  Tutti questi laboratori sono stati finanziati nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE). Programma Operativo Complementare “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020.