Scuole protagoniste per il Carnevale a Carini: “Franca Florio” eletta migliore maschera

L’istituto “Calderone Carini – Torretta”, la “Laura Lanza”, la “Renato Guttuso”, la “Giovanni Falcone”, il liceo “Ugo Mursia”, “Giocosamente”, “Mondo di Simba”, “Winnie Pooh” ed “Euroform” sono state protagoniste della due giorni di sfilate che hanno colorato Villagrazia e poi il centro storico di Carini. Momenti all’insegna della felicità soprattutto dei bambini che attraverso il carnevale hanno omaggiato personaggi della storia siciliana e anche carinese. Abbiamo visto sfilare principi e principesse, baroni e baronesse, re e regine, eroi e paladini, artisti e letterati, che hanno dato vita a un corteo colorato e suggestivo; omaggiati anche Icaro e l’antica Iccara di Carini, due simboli della mitologia e della storia siciliana. Secondo la leggenda, Icaro cadde in mare proprio vicino alla costa di Iccara, e il suo corpo fu sepolto in una grotta da una ninfa. Iccara fu poi ricostruita dai Romani e dagli Arabi, che le diedero il nome di Qarinis, da cui deriva l’attuale Carini. Diverse scuole hanno inoltre voluto lanciare un messaggio ecologista realizzando i costumi con materiali di riciclo, grazie alla collaborazione di docenti e genitori, che hanno recuperato e riutilizzato abiti e accessori nei bauli delle nonne.  Tra i personaggi più rappresentativi, spiccava la figura di Franca Florio, la bella e elegante signora che fu la musa di molti intellettuali e la regina della Belle Époque siciliana. Il suo abito, ricco di dettagli e di fascino, ha conquistato la giuria, che ha assegnato all’I.C Calderone il premio per la più bella maschera. Il giorno prima invece a Villagrazia era stata premiata la maschera del Minotauro appartenente alla scuola “Renato Guttuso”.  La manifestazione è stata realizzata in collaborazione con “Whats’art & Kokalo Group”, “Passione Sicilia” e il Comune di Carini.