Si torna a scuola il 14 settembre: ma ancora esistono tante perplessità

Regioni ed Enti Locali hanno dato il via libera alle nuove linee guida per il rientro a scuola da settembre, anche se sul tema rimangono molte perplessità, soprattutto in Sicilia dove molte strutture scolastiche già di per se hanno problemi strutturali. Le lezioni in Italia ricominceranno ufficialmente il 14 settembre e già dal primo di settembre si tornerà tra i banchi per il recupero degli apprendimenti. Nella bozza del Governo è stato inserito un riferimento al distanziamento fisico: “Il distanziamento fisico, inteso come un metro fra le rime buccali degli alunni, rimane un punto di primaria importanza nelle azioni di prevenzione”. Verranno istituite “Conferenze dei servizi”, su iniziativa dell’Ente Locale competente, con il coinvolgimento dei dirigenti scolastici, finalizzate ad analizzare le criticità delle istituzioni scolastiche che insistono sul territorio di riferimento delle conferenze. Lo scopo sarà quello di raccogliere le istanze provenienti dalle scuole con particolare riferimento a spazi, arredi, edilizia al fine di individuare modalità, interventi e soluzioni che tengano conto delle risorse disponibili sul territorio in risposta ai bisogni espressi. L’uso della mascherina in aula verrà rivalutato ad agosto e probabilmente abolito per le classi primarie. La didattica mista, a distanza e in presenza, potrà essere adottata soltanto nel caso in cui non fosse possibile altra soluzione. Potranno inoltre essere effettuati test a campione su docenti, Ata e studenti. Essendo Regione a statuto speciale, nelle prossime settimane anche la Regione Sicilia si pronuncerà sulla data del suono della campanella per l’anno 2020/21. E’chiaro che a Carini essendo festa del Patrono, la scuola non potrà ricominciare prima del 15 settembre. (foto newssicilia).

 

https://lawncareguides.com/best-robot-lawn-mower-for-slopes/